Salta al contenuto Cookie Control Icon

Ogni sabato i nostri soci cantano per il mondo! Fino a mille persone provenienti da 26 paesi si incontrano, fisicamente lontani, eppure in molti a cantare per tutti. Man mano che il coronavirus si è diffuso in tutto il mondo, c’è stato e continua ad esserci molto dolore, ansia e angoscia. Cantiamo con l’intenzione di prenderci cura del mondo e di alleviare la sofferenza. Allo stesso tempo, i partecipanti scoprono come il canto porti gioia e forza a loro stessi.

Scarica i canti in formato PDF:
Bo Hui Jaan
Goon Yam Gau Foo Ging
Daai Bei Jau

Quello che i praticanti dicono sui canti taoisti

Ho potuto davvero godermi i canti del sabato e le successive riflessioni. È davvero d’aiuto per tutti noi, ne sono certo, rimanere connessi alla nostra pratica e sentirci parte di un tutto. Sabato scorso è stato particolarmente bello. Essendo l’anniversario della morte del Maestro Moy c’è stata un’atmosfera molto speciale. Devo ricordare quella sensazione ogni giorno ovviamente!

Il Maestro Moy mi ha aiutato moltissimo con la salute complessiva. Mi ha molto fortemente incoraggiato a cantare. È stato e continua ad essere molto benefico ed edificante per me. Quando cantiamo insieme sento come risuoni con potenza nella mente, nel corpo e nello spirito. È così bello che lo stiamo facendo per il mondo !!

– Barb, Ontario

Sto scrivendo per condividere la mia esperienza di oggi con il canto e le riflessioni su Zoom.

 

Continuo ad apprezzare l’opportunità di cantare con tutti. Il mio canto era molto naturale e sentivo il suono in armonia con il canto registrato.

Mi sono ricordata questo: negli anni ’80 ho avuto l’opportunità di cantare per qualche tempo nei fine settimana con dei Cantori al tempio FLK di Bathurst e il Maestro Moy era spesso lì. Una volta abbiamo cantato all’altare commemorativo il Goon Yam Gao Foo Ging e il Dai Bay Jao e il Maestro Moy ha detto: “È come se la persona (mancata) fosse proprio qui con te”. Le parole del Maestro Moy hanno sottolineato l’immediatezza della relazione con il defunto e il rituale del canto in quel momento.

Così oggi, richiamando questo ricordo, mentre cantavo il Goon Yam Gao Foo Ging, ho avuto la sensazione della presenza del Maestro Moy (nella mente ho visto il Maestro Moy con indosso una tunica azzurra). Mi sono rattristata per un momento, ma poi ho continuato a cantare, sentendo che il Maestro Moy era con noi e come hanno detto i Direttori la sua eredità è viva e l’organizzazione FLK continua a crescere e gli insegnamenti sono stati apprezzati e sperimentati a livello profondo da molti.
– Linda, Ontario

Sono molto grato di potermi unire a una comunità mondiale per cantare, fare la nostra piccola parte per aiutare ad alleviare la sofferenza del mondo e coltivare noi stessi.

Ho particolarmente apprezzato poter ascoltare e seguire la registrazione. Mentre la mia voce seguiva il canto, sentivo di cantare in armonia con un gruppo MOLTO più grande e con un’intenzione più forte.

Tutti i commenti dei nostri leaders mi risuonano e continueranno a servire da bussola per la mia pratica quotidiana a casa fino a quando non potremo incontrarci di nuovo di persona.

Grazie mille a tutti per questa opportunità!

– Bernice, Ontario, Canada

 

Questa è la quarta settimana in cui partecipo ai canti su zoom e ne sono uscita con una sensazione di estrema gratitudine e apprezzamento per questa opportunità e per questa organizzazione.

La pratica del Tai Chi Taoista™ mi sta facendo restare calma e paga durante questa pandemia, malgrado io sia vulnerabile a causa dei miei problemi di salute. L’insegnamento del Maestro Moy sulla quieta coltivazione interiore attraverso il canto e i messaggi dei nostri leader, su come dedicare questo tempo a sviluppare la disciplina nella pratica e sul cogliere l’occasione di cambiare, mi ha aiutata a capire meglio che veramente ognuno è responsabile del proprio apprendimento.

Avendo tempo per riflettere sulla mia pratica ed entrare davvero in un contatto interiore ha risvegliato la comprensione di quanto sia potente questa arte. C’è una stabilità di mente, corpo e spirito ora che non sto pensando, ma solo facendo.

Voglio ringraziarvi per l’opportunità del canto, per la condivisione delle riflessioni e per la dedizione a mantenere viva la visione del Maestro Moy.

– Anne, Newfoundland and Labrador, Canada

Il Maestro Moy spesso ci ha incoraggiato a parlare dell’aspetto internazionale della nostra organizzazione e a pensare a noi stessi come a una famiglia. Partecipare alle sessioni di canto il sabato e ascoltare il dibattito, mi ricorda che ovunque siamo, non siamo soli e che siamo tutti sostenuti dalla pratica di ciascumo.

– Chris, Ontario

Ho appena partecipato al canto del lunedì mattina e volevo ringraziarvi tutti.

 

Sono molto grata di essere in grado di unirmi a una comunità di tutto il mondo per cantare, per poter fare la nostra piccola parte nell’aiutare ad alleviare la sofferenza del mondo e coltivare noi stessi. Ho particolarmente apprezzato di poter ascoltare e seguire la registrazione. Con la mia voce che seguiva, ho sentito di cantare in armonia con un gruppo MOLTO più grande e con un’intenzione più forte. Tutti i commenti dei nostri leader mi risuonavano e continueranno a servire da bussola per la mia pratica quotidiana a casa, finché non potremo incontrarci di nuovo di persona.
Grazie mille per questa opportunità!

– Bernice, Ontario, Canada

Apprezzo molto le sessioni di canto su zoom. Negli ultimi anni mi sono sempre più interessata ai canti che si svolgevano al nostro Centro a Vancouver. Mi sono interessata all’aspetto storico e a quello più spirituale, alle dinamiche del gruppo, alle implicazioni posturali, all’equilibrio e alla stabilità, alla respirazione più profonda e alla vibrazione che si verificano internamente. Tuttavia non ho mai pensato ai “Canti per il mondo”, finché non ci sono state queste sessioni via zoom, che hanno aggiunto al cantare una dimensione completamente nuova, che apprezzo moltissimo.

– Marilyn, British Columbia, Canada

Questa mattina ho partecipato a una sessione di canto via zoom con persone provenienti da 22 paesi diversi, inclusa gente dalla Spagna, Paesi Bassi, Italia, Stati Uniti e Canada: 1.000 voci a cantare per il mondo.

Il momento più toccante per me è arrivato alla fine, quando tutti salutavano.

Non sappiamo cosa accadrà domani o dopodomani, ma per un momento la ‘potenza’ di 1.000 voci e 1.000 volti che si sono riuniti è stata rasserenante e tonificante.

Non siamo soli …

Un sincero ringraziamento a tutti coloro che stanno lavorando insieme per far sì che ciò accada.

– Denise, Ontario, Canada